giovedì 2 agosto 2012

ODIO D'AMORE: PUNTATA 15.

riassunto della puntata precedente:

l’avvelenamento di roberto non ha portato conseguenze letali, giulia seppur spaventata ha paura a confidarsi con la madre su gianni. Alex vorrebbe riallacciare i rapporti con lorena ma quando questa giunge a como con andrea fa perdere la fiducia al ragazzo. Anna intanto dispiaciuta per le condizioni di roberto vorrebbe rivendergli l’azienda ma trova un ostacolo in marco, che nel frattempo deve occuparsi di elisa che ha un malore…
………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………

marco soccorre la moglie: “elisa! Amore! rispondimi, ti prego!” dice disperato mentre cerca di rianimarla. Lorena è con giulia: “giulia, ti presento l’avvocato paschelli.” “paschelli?” sussurra dubbiosa giulia. “piacere, chiamami pure andrea.” Dice il ragazzo amichevolmente tendendogli la mano. “piacere mio, giulia.” Dice la giovane confusa. Anna ritorna a casa stanca e il marito la raggiunge: “oh! credevo non tornassi più! Ho preparato la cena!” “scusami, ma in questo momento la cena è l’ultimo dei miei pensieri.” “qualche problema?” “soltanto uno? Ma… tanto per citarne qualcuno… ho litigato con marco!” “ e perché?” “…ho…deciso di rivendere l’azienda al suo legittimo proprietario.” “ cosa? stai scherzando spero!” dice francesco con aria irritata. Elisa intanto si riprende: “m…arco” “tesoro mio, come stai?” “bene bene, tranquillo.” “si, ok, ma andiamo lo stesso dal medico!” “ma non c’è né bisogno, è stata solo stanchezza, capita in gravidanza…” “lo penso anch’io ma è meglio avere conferma da una specialista su” dice marco mentre i due si recano verso la porta. Giulia, in ospedale con andrea e lorena, interroga andrea. “scusa, ma… tu sei il famoso avvocato, il figlio di francesco paschelli,  giusto?” “si, sono proprio io” dice andrea. Giulia si rivolge alla sorella dcendo: “ti prego lorena, portalo fuori di qui!” “ma…cosa?” chiede lorena. “non c’è problema, me ne vado!” dice andrea come offeso. “ma che ti prende, giulia?” “quello è uno dei proprietari dell’azienda di roberto!”  dice con rabbia lasciando lorena a bocca aperta. Nel frattempo andrea, che aspetta fuori, vede arrivare il fratello con elisa: “ma cosa è successo?” “nulla di grave, elisa ha avuto un piccolo malore” “e non sapete a cosa è dovuta?” “bhe, credo sia arrivata l’ora di dirglielo” dice marco. “si…ehm… presto tu e tua sorella diventerete zii…” dice elisa lasciando andrea con un sorpreso sorriso. Anna subisce la frustazione del marito: “ti rendi conto di quello che vuoi fare? L’azienda è tutto per noi! È la garanzia di un futuro per i nostri figli!” “francesco capisco la tua rabbia, ma l’azienda non è realmente nostra, appartiene a roberto, è stata un ingiustizia rubargliela!” “rubargliela, ma ti rendi conto di quello che dici? Noi l’abbiamo regolarmente comprata!” “con l’inganno! L’azienda era appena stata distrutta dall’incendio in cui sua madre perse la vita. Roberto e suo padre non avevano scelta!” esclama anna. Andrea è con marco ed elisa: “è fantastico! Ricordo quando eri un marmocchietto che mi seguiva dappertutto ed ora diventerai papà!” “e già” esclama elisa sorridendo. Arriva il medico: “signora paschelli?” “si” “venga, facciamo un’ ecografia” così,elisa e marco si allontanano, mentre dalla stanza di roberto esce lorena: “andrea, vieni, andiamo a prendere qualcosa, ti devo parlare.” Dice con aria preoccupata. Valentina giunge all’aereoporto, dove una persona con il capo coperto da un cappuccio e il viso da occhiali da sole e un foular, la spia da lontano. “maledetta!” dice con voce rauca. Il dottore sta eseguendo l’ecografia di elisa. “mm…” “dottore, c’è qualche problema?”  “no, stia tranquilla; è stato solo un calo di zuccheri…” “menomale” “signorina, mi raccomando, non salti più i pasti. Deve nutrirsi, ha bisogno di energie.” Dice il medico mentre elisa annuisce. Valentina, nel buio, si sente spaventata e si rifugia al broletto dove angela la accoglie con ospitalità: “buonasera, come posso aiutarla?” “potrei avere un thè freddo, per piacere?” “ma certo, solo un attimo!” intanto la ragazza si guarda intorno, si sente osservata. Alfio torna a casa, e sua moglie lo raggiunge nella sala: “ ma dove eri finito? Dovevi solo andare a raggiungere all’aereoporto lorena!” “si, ma … dopo averla portata in ospedale ho preferito passare in ufficio a riguardare dei vecchi documenti.” “ah! È si puo sapere, qual è l’argomento di questi importanti documenti?” “l’incendio ai danni dei falaschi, e… l’omicidio di lucrezia giorgioni!” carla rimane perplessa. Andrea ha appena saputo il motivo dell’arroganza di giulia: “ora capisco! Ma… io e sabrina, siamo estranei alla gestione dell’azienda. “lo so, ma mia sorella è fatta così!” “mi spiace solo, che si fermi alle apparenze.” Dice andrea rammaricato. Valentina sta bevendo la sua bibita e guardandosi intorno esclama: “ è bellissimo qui, più di quanto mi ricordassi!” “uh, lei è stata già stata qui? Non mi sembra di averla vista!” “no, no io ero a como da piccola, poi mi sono trasferita con i miei a roma, e ho passato gli ultimi anni a los angeles. “ah, e che lavoro fa?” “sono un ispettore di polizia.” “bello, e come mai si trova di nuovo a como?” “bhe, veramente non potrei parlarne, ma… in america sono stati assassinati due noti imprenditori, e pensiamo che tutto sia legato qui. A como!” “dio mio, spero che tutto si risolva.” “a chi lo dice…” dice valentina pensierosa. Intanto tom e sabrina, passeggiano, come di consueto, ammirando lo splendido paesaggio  del lago. “mmm, vorrei che questa serata non finisse più” esclama il ragazzo stringendosi a sabrina, “bhe, io invece voglio che finisca, perché ci aspetteranno altre magnifiche serate come questa!” i due sorridono e si baciano. Andrea accompagna a casa lorena: “allora… notte! E grazie del passaggio” esclama la ragazza “lorena, ti andrebbe di uscire domani? Andiamo al broletto?” “no, ma non sai che il broletto è di angela fontana?” “si, è qual è il problema?” “il problema è che praticamente è da una vita che rincorre alex” “capisco, come non detto, Notte” dice andrea deluso. Anna è in cucina, nervosa, e viene raggiunta dal marito: “che fai in piedi?” “sabrina e andrea non sono ancora tornati!” “non sono due adolescenti! Sono adulti ormai, devi lasciarli in pace!” “scusa francesco, ma non ho chiesto il tuo parere! Andrea ha rischiato la vita in america, chi non mi dice che sia a rischio anche qua!” dice nervosa. Un tizio passeggia furtivamente per strada, andrea, lo guarda e lo riconosce, è l’uomo che gli ha sparato: “non è possibile” dice e lo scendendo dall’auto, lo segue. Tom e sabrina, vedono anch’ essi l’uomo: “ma … chi è quell’uomo? Non l’ho mai visto qui!” dice tom; “ma… forse sarà un turista.”. poi avvistano anche andrea: “ma… quello è mio fratello! Cosa sta facendo?”  “non lo so…” “seguiamolo. Voglio vedere dove va.” E così i due si mettono a seguirlo. Andrea arriva in un vecchio edificio, ed entra, ritrovandosi faccia a faccia con la pistola del tizio: “pensavi, che non ti avessi visto?” “e tu pensavi che non t avessi riconosciuto?” “hai del fegato!” andrea sorride nervosamente.nel frattempo arriva un altro uomo. “cosa stai facendo? Il capo ha dato ordini precisi! Dobbiamo eliminare solo le prove del portatile.” Sabrina e tom udendo le voci degli uomini entrano: “andre…” “Sabrina! Per l’amor del cielo, che ci fate qui!” “ah! E questa bambolina chi è?” “lasciate in pace mio fratello!” “già, perché uccidere lui… quando possiamo avere te!” dice uno afferrandola per un braccio. “lasciala!” urla tom, ma l’altro lo tramortisce con la pistola. “tom!” “zitta!”. Andrea è terrorizzato: “ti prego, lasciala, sparami se vuoi, ma… lasciala andare.” “si, così va dritta dritta dalla polizia… invece faremo in un altro modo: lei resta con noi, tu ci procurerai dall’ispettore brunetti, il portatile con le prove, e lei sarà salva! Va bene?” “d’accordo…” dice andrea mortificato, mentre sabrina piange. L’altro punta la pistola contro la ragazza “ma occhio, avvocato, un solo passo falso, e la tua sorellina morirà”…

ogni riferimento a fatti persone o cose realmente esistenti è puramente casuale...

appuntamento a lunedì 6 agosto con una nuova puntata di odio d'amore.

mi scuso con tutti i lettori dell'enorme ritardo, ma... stranamente la puntata non si è salvata lunedì... mi scuso del piccolo imprevisto, e vi ringrazio del calore col quale seguita la websoap

Nessun commento:

Posta un commento

Posta un commento